NeuroTester Air

Un sistema per lo screening della Neuropatia Autonomica Cardiaca

Diabete medical deviceNeuropatia autonomicaprofessionistiscreening

Test Cardiovascolari nella diagnosi di Neuropatia Autonomica Diabetica

La probabilità di sviluppare la Neuropatia Autonomica Cardiaca aumenta con la durata del diabete e rappresenta oggi una delle complicanze più temibili che possono insorgere in corso di diabete mellito. Prevenirla o riconoscerla nella fase subclinica è di fondamentale importanza poiché ancora reversibile. I test che valutano i riflessi cardiovascolari eseguibili con NeuroTester costituiscono il metodo più diffuso per tale valutazione.

Vai agli articoli correlati 

NeuroTester Air

Guarda il video

Semplice, grazie alla Guida Vocale!

I test valutano la variazione della frequenza cardiaca durante la respirazione profonda (Deep Breathing), nel passaggio dal clino all’ortostatismo (Lying to Standing) e durante una forte espirazione contro una resistenza (Manovra di Valsalva), attraverso la misurazione contemporanea al battito cardiaco della respirazione, della pressione intratoracica e dell’ortostatismo.

Approfondimenti

 

neurotester air logo blu DEF

Il NUOVO NeuroTester Air è un dispositivo medico che permette di effettuare i test che valutano la risposta riflessa cardiovascolare, per lo studio delle alterazioni del sistema nervoso autonomo, che possono insorgere in corso di diabete mellito. Si tratta di test di screening, per filtrare gli approfondimenti diagnostici più complessi che possono essere svolti dal Diabetologo così come da personale Infermieristico addestrato.
Il dispositivo permette di eseguire direttamente i test cardiovascolari senza l’uso di un elettrocardiografo. Il Sistema monitora parallelamente al battito cardiaco, la respirazione nel test Deep Breathing, la pressione intratoracica, nella Manovra di Valsalva, l’ortostatismo nel Lying to Standing. Con il nuovo NeuroTester Air non è necessario che il paziente si spogli, grazie agli innovativi sensori capacitivi per la rilevazione del tracciato ECG posizionati ai polsi del paziente, che sostituiscono i meno pratici elettrodi da torace. Questo contribuisce a ridurre di gran lunga i tempi di preparazione al test.   Un assistente vocale guida il paziente passo dopo passo nell’esecuzione del test indicando le azioni da compiere. Il boccaglio intelligente rileva il flusso respiratorio grazie ad un sensore di pressione posto all’interno che registra la pressione esercitata dal paziente nel boccaglio con il respiro. L’accelerometro integrato nell’unità base, posta alla coscia del paziente, rileva automaticamente la posizione, se disteso o in piedi.
Al termine di ciascun test il NeuroTester Air calcola automaticamente i risultati dei test eseguiti, mostrando per ciascuno il giudizio di normalità ottenuto in funzione dei valori di riferimento del paziente.
il NeuroTester Air comunica tramite tecnologia bluetooth. con un’interfaccia software dove l’operatore ha completa visione dei parametri durante l’esecuzione dell’esame.  La trasmissione wireless in real time oltre a rendere più pratico l’utilizzo del device, riduce l’ingombro dei cavi e permette al soggetto in esame una maggiore libertà di movimento. E’ stato inoltre sviluppato un accurato ed innovativo sistema di valutazione della qualità di esecuzione di ciascun test, monitorando parallelamente al battito cardiaco il secondo parametro che provoca la variazione della frequenza cardiaca. Il NeuroTester Air inoltre individua automaticamente le extrasistoli basandosi sulla variazione di forma dell’onda QRS, escludendole dal calcolo del risultato; l’operatore può in ogni caso, approfondendo l’analisi del parametri, modificare in qualsiasi momento e a sua discrezione la scelta dei punti da prendere in esame, includendo o escludendo anche i battiti che il sistema ha contrassegnato come disturbi o sospette extrasistoli atriali/ventricolari. NeuroTester Air è stato progettato per funzionare in assenza di un collegamento alla rete elettrica. La batteria al litio incorporata garantisce un’elevata autonomia e consente la massima portabilità del device, offrendo una notevole flessibilità rispetto al suo predecessore.